Workshop

I workshops
a differenza dei corsi settimanali
permettono un approfondimento maggiore
e più strutturato dei temi
che propone il Canto Sensibile,
poiché si svolge nel corso di una giornata,
solitamente dal mattino al pomeriggio
un sabato al mese
o un giorno del week-end.

 

SOTTOSOPRA pratiche di ascolto ed esplorazioni sonore attraverso la voce e il movimento

10 e 11 novembre 2018

Workshop sulla voce consapevole

workshop di voce e movimento - Feldenkrais e Canto Sensibile

con Alessandra Baschieri e Meike Clarelli, un progetto di Canto Sensibile e Associazione Jaya

 Prossimo appuntamento:

"L'incontro di due anni fa con Alessandra Baschieri, insegnante del Metodo Feldenkrais, ha dato origine ad un percorso di collaborazione straordinario per me, grazie al quale entrambe stiamo imparando a "vedere con le orecchie e ad ascoltare con gli occhi". Il Feldenkrais e il Canto Sensibile si integrano tra loro in maniera profonda e complementare raffinando, nelle persone che ne fanno pratica, la sensibilità e l'intelligenza corporeo-cinestetica . Abbiamo così deciso di proseguire un percorso comune attraverso il quale proporre workshop intensivi per continuare la nostra ricerca sul suono e sul movimento, sulla voce e l'essere in connessione con il proprio corpo, dove il movimento da origine al suono e dove il suono da origine al movimento." M.C.

Sottosoprarimanda all'idea che per cambiare alcuni schemi corporei e sonori, profondamente connessi tra loro, che ci costringono a pensare, parlare e a muoverci in modi non sempre funzionali, sia necessario mettere tutto sottosopra“SottoSopra” mette in connessione i nostri piedi con la testa, quindi le nostre radici,  il contatto con la terra,  e la “fontanella”, la nostra “finestra” verso il cielo. Tiene conto dei passaggi/diaframmi che attraversano il nostro corpo trasversalmente dalla testa ai piedi, dal sotto al sopra; tiene conto di quello che sta sopra la pelle e di quello che sta sotto; del cantare nel sottobosco o sopra le acque; dei piedi e delle orecchie; della voce che mette in vibrazione e manda frequenze sopra e sotto, dentro e fuori; del movimento che illumina parti di noi che stanno nascoste nel profondo del nostro sistema nervoso, attraverso i recettori che si trovano sotto la pelle, che stanno sopra e dentro le ossa, che stanno sotto.

Due giorni quindi dedicati alla pratica del Feldenkrais e della propria Voce, esplorando la profondità e la bellezza del nostro corpo e del nostro sistema sensoriale. Il focus del lavoro sarà quindi la relazione tra movimento e suono, tra conoscenza e consapevolezza del proprio corpo attraverso il movimento e conoscenza e consapevolezza del proprio suono, della propria voce e vibrazione.

Canto Sensibile

Il canto sensibile è un approccio integrato di lavoro sulla voce, che sostiene e accresce la consapevolezza di sé e della propria capacità espressiva. Conoscere la propria voce nella sua complessa organicità significa imparare ad ascoltarla ed imparare a riconoscere le parti di se di cui è espressione. La voce riflette lo stato complessivo dell’individuo e porta il segno ed il sintomo del suo vissuto. Lavorare sulla voce significa lavorare sulla propria soggettività, sulla propria singolarità e sulla propria profonda sensibilità. La concezione del canto sensibile si fonda sul presupposto che la voce sia un sistema intelligente costituito da più livelli (fisico, osseo, nervoso, sonoro, vibratorio, energetico, emotivo, simbolico, etc.) che si compenetrano, si influenzano e si integrano a vicenda, ma soprattutto che la voce essendo l’identità sonora di ognuno di noi, è l’espressione della nostra sensibilità.

il metodo Feldenkrais®

Il Metodo Feldenkrais si basa sulla premessa che il corpo è il principale veicolo di apprendimento degli esseri umani; è un sistema educativo globale che utilizza il movimento come strumento per lo sviluppo di una piena consapevolezza del sé all’interno di un processo di auto-miglioramento permanente. Basandosi sull’idea che la persona sia un'unità complessa costituita da un insieme (corpo, mente, pensiero ed emozioni ) che interagisce costantemente con l’ambiente esterno per formare l’esperienza della vita, il Metodo Feldenkrais sostiene l’idea che, migliorando anche solo uno di questi elementi costitutivi, si può innescare un miglioramento significativo in tutto l’insieme.

E poiché il movimento rappresenta una costante presente in tutte le manifestazioni vitali dell’uomo (siano esse emozionali, intellettuali o sensoriali), partendo dalla consapevolezza dei propri processi motori e cambiando il proprio modo di muoversi, l’individuo può liberarsi dai condizionamenti esterni e dall’abitudine per giungere così ad una piena auto-realizzazione.

Attraverso la consapevolezza del corpo in movimento e lo sviluppo della propriocezione, la persona affina e cambia infatti l’immagine di sé, immagine sulla cui base agisce nella propria esistenza, gettando le basi di un cambiamento profondo e duraturo.

Le sequenze di movimento del Metodo Feldenkrais sono semplici, piacevoli e sono adatte a tutti.

 

DALLA MIA VOCE

Percorso di ricerca e formazione vocale

DICEMBRE 2018

Prossimi appuntamenti: 24 novembre dalle 10 alle 14
Dove: Casa B, Bolognina, Bo.

 


 

DESCRIZIONE DEI DUE WORKSHOP IN PROGRAMMA PER I PROSSIMI MESI

 

DALLA MIA VOCE

L'obiettivo di questi incontri è quello di nutrire la possibilità dell'ascolto e dell'emissione del suono attraverso l'esperienza della propria ricettività abbinata al suono, affinché si possa aprire la via ad una più profonda percezione del proprio corpo, della relazione con lo spazio e con l'altro.
La voce è "richiamo" di sé a se stessi e agli altri
La propria voce, accolta e vissuta in maniera consapevole è desiderio di relazione e comunicazione a prescindere dall'uso che se ne fa. La pratica vocale va di pari passo con il fare esperienza di sé, del proprio modo di esporsi alle cose e della qualità della relazione che si intrattiene con il mondo e queste capacità vanno coltivate e ascoltate per una vita intera.
Il mio incontro con insegnanti straordinari quali Imke McMurtrie e la psicofonista Elisa Benassi, hanno enormemente contribuito a costruire un cammino di ricerche e scoperte nell'ambito della cura della voce e della cura per mezzo della voce. Soprattutto però mi hanno permesso di tracciare un approccio alla vocalità o meglio uno stile d'insegnamento fondato sulla consapevolezza e conoscenza di se stessi per mezzo ed a causa della propria voce. 
Attraverso la consapevolezza del corpo in movimento e lo sviluppo della propriocezione, la persona affina e cambia infatti l’immagine di sé, immagine sulla cui base agisce nella propria esistenza, gettando le basi di un cambiamento profondo e duraturo.

TEMI PROPOSTI DURANTE I WORKSHOP DALLA MIA VOCE
  • Liquidazioni e attivazioni corporee
  • Riorganizzazione della muscolatura profonda e della colonna vertebrale
  • Esercizi per il riconoscimento dei parametri fondamentali nel rapporto voce–udito che hanno un ruolo chiave per l’emissione vocale
  • La scoperta dell’apparato sensoriale e nervoso nella voce
  • Ascolto interno ed ascolto esterno
  • Gesto e immaginazione come dispositivi del suono
  • Punti di sostegno del cantante
  • Canti

 

 

singing-2